labatteria.it • Leggi argomento - BATTERISTI DELLA TERRA DI MEZZO


BATTERISTI DELLA TERRA DI MEZZO

Qui nessuna conversazione sara' off-topic: tutti gli argomenti sono ammessi (eccetto quelli che rientrano negli altri forum).

Messaggioda eziopelizzi il dom mar 17, 2019 12:20 am

Mi è successa questa cosa, che mi ha lasciato perplesso.
Premetto che suono da sempre come batterista non professionista. Ho una cinquantina d’anni. Faccio il professionista in un altro mestiere, quindi ho perfettamente la percezione della grande differenza che esiste. Ho studiato molto, con metodo, con pazienza e caparbietà. Ma per diventare un vero professionista devi dedicare allo strumento tutto te stesso con lo studio vero, quello di quattro o cinque anni a tempo pieno. Il tempo che ritagli, anche se sembra abbastanza non lo è veramente. (questo a mio modestissimo parere)
La maggior parte dei batteristi della “terra di mezzo”, come l’ho chiamata ironicamente, (bravini ma non abbastanza, precisi ma non abbastanza, studiati ma non abbastanza, con lacune, ecc) sono bulimici della batteria (chiaramente vivendola solo come passione) è sempre alla ricerca del miglioramenti, di un’ora per studiare qualcosa di nuovo, perché chiaramente da una vita in rincorsa verso l’irraggiungibile traguardo. Bene. L’altra settimana faccio una serata con un gruppo con cui suono da un po’; quel jazzettino mainstream da sottofondo di cena elegante e cantante con voce suadente. Tante spazzole un po’ di bossanova, swing ecc. Insomma diciamo che per accompagnare quella roba oltre qualche sporadica prova non studio un cazzo.....
Tra il pubblico salta fuori un nipote di uno del gruppo, cantante di un famoso gruppo musicale italiano (membro inserito da qualche anno perché più giovane di me). Tira e molla e che non vuoi che faccia la carambata e salti sul palco a fare un pezzo con noi. Io avevo già cercato di barcamenarmi alla benemeglio per tutto il concerto cercando di ricordarmi tutto il nostro repertorio, lui vuole fare Moondance di Van Morrison, io lo stronzo Irlandese lo amo da trent’anni quindi i suoi pezzi li so a memoria ed il pezzo l’avevamo in repertorio, quindi mi va di lusso e la sfango egregiamente. Poi non contento e preso dall’euforia del pubblico in delirio continua ancora, si mette al piano e inizia un pezzo che.....cazzarola non avevo mai suonato, si sentito alla radio diverse volte, ma Lionel Richie pur rispettandolo, non è mai stato uno degli artisti che ho seguito, quindi cerco di accompagnare con un funky classico....in apnea cercando di stare più dritto possibile (meno male che nel gruppo c’è un bassista monumentale) seguo le indicazione dello show men ( comunque bravissimo sotto tutti i punti di vista, canto, presenza scenica, carisma, ironia, educazione....la famosa differenza) e porto alla chiusura il pezzo. Bestemmio tra me e me perché pensavo: - l’avessi saputo mi sarei preparato -. Il cantante scende dal palco tra gli applausi scroscianti e noi finiamo dopo un’altra oretta il concerto. Con la solita autostima che mi contraddistingue penso di aver fatto una figura di merda totale, quindi testa bassa smonto tutto e mi defilo.
A fine serata, quando si finisce di caricare le auto e ci si saluta, il chitarrista mi dice.....XXXX ha detto che dall’ultima volta che è venuto sentirci siamo migliorati molto ed ha detto che è anche merito del nuovo batterista...che è un batterista che sa quello che fa e non rompe i coglioni.
C’ho pensato a lungo a questo episodio.
Penso che volesse dire che non fa niente per far vedere che sa fare. In effetti è vero perché non so fare un cazzo di mirabolante.
Quindi mi sono chiesto dove è la percezione del punto di vista della bravura di un batterista visto dai non batteristi ??? Ho forse visto solo dai cantanti, che non amano che nessuno gli rubi la scena ? La cosa mi ha colpito perché detta da uno che è andato su Rai Uno più volte, e credetemi senza falsa modestia da parte mia ben conscio della normalità del mio drumming.
Mi piacerebbe sentire il, vostro punto di vista.
Avatar utente
eziopelizzi
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mar nov 22, 2005 9:58 pm
Località: Torino

Messaggioda vit vit il dom mar 17, 2019 4:15 pm

Rispondo brevemente solo per non lasciare topic vuotoMi riprometto di dire la mia a questo argomento (sulla fatto di non rompere i cabbasisi) che è questione calda.
Appena riesco ti rispondo. :x .
Suono come sono
Ma....
Vorrei essere
John Coltrane
Avatar utente
vit vit
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5209
Iscritto il: mar apr 10, 2012 7:06 am
Località: Milano city

Messaggioda edmondo il lun mar 18, 2019 2:50 pm

Io ti rispondo subito: tu non appartieni alla tua cosiddetta TERRA DI MEZZO.....: tu sai suonare. Punto. E questa cosa viene fuori anche quando non sai a memoria un pezzo........
1) YAMAHA PHX Phoenix (Black) 4pz. - 2) TAMBURO Formula Custom (Red Sparkle) 6pz. - 3) SONOR Ascent (Creme White) 5pz. - 4) Ibrido: DS cassa in EVOSuperbass Custom 22x17,5" (2011, pre 2.0 - ora Satin Black), con sopra tom/timpani DrumCraft Maple 10"/12"/14"ft/16"ft Series 8 (El.Black). - 5) Ibrido: Tamburo Studio cassa 22x16"+ tom/timpani Yamaha Live Custom tom 10"x7" e Floor 14x13" e 18x16":... "Provare per credere" !!
Avatar utente
edmondo
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 14159
Iscritto il: mar gen 18, 2011 8:40 pm

Messaggioda Tenebral il lun mar 18, 2019 9:44 pm

Credo che siamo tutti d'accordo che una buona tecnica non sia l'unica variabile in giuoco, ma mi rendo conto di essere eretico nel dire che a mio parere è una delle meno importanti. Ci sono musicisti degni del miglior rispetto che restano sconosciuti una vita ed altri tecnicamente scarsi che riescono ad arrivare al cuore del pubblico. Hai menzionato presenza scenica e carisma: non ho idea se si possano insegnare, ma di sicuro c'è chi ne nasce dotato.
Non so come suoni, può darsi che ti sottovaluti, può darsi di no, ma fossi in te prenderei la cosa così come viene: continua ad allenarti e goditi questi momenti a contatto col tuo pubblico. :-)
Roling's per sempre
Avatar utente
Tenebral
guru delle pelli
guru delle pelli
 
Messaggi: 2140
Iscritto il: lun gen 17, 2005 8:25 pm
Località: Su coru in Sardegna, su corpus a tesu.

Messaggioda eziopelizzi il lun mar 18, 2019 10:19 pm

Ti ringrazio della fiducia Ed, come tutte le esperienze penso sia utile condividerle. Della terra di mezzo è un modo simpatico per definire chi suona da tanti anni, ma non ne ha fatto un mestiere, essendo conscio della differenza che esiste tra le due cose. Come sono bravo nel mio mestiere, sono altrettanto esigente nella mia passione, ma a parte questo, mi intriga molto l’argomento. In passato mentre con un gruppo stavamo preparando dei pezzi originali per un disco, io passavo le ore a cercare groove interessanti, non banali ascoltando e rubando da ogni genere anche non usuale, mi ricordo di aver passato un pomeriggio a cercare di capire alcuni passaggi di musica kosher, poi arrivato alle prove proponevo qualcosa e mi sentivo rispondere.....bello, bello, però farei .....tun pa..tun tun pa...e allora basta, ho smesso. Pensavo poca apertura mentale di quel cantante (di nuovo), invece vedo che è un comportamento reiterato. Forse da noi si vuole sempre il solito brodo ?
Avatar utente
eziopelizzi
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mar nov 22, 2005 9:58 pm
Località: Torino

Messaggioda nikman il lun mar 18, 2019 11:29 pm

Per me ha ragione Ed, magari sai semplicemente suonare, non è detto che un amatore non possa suonare bene, anzi! Io non giudico me stesso, ma gli altri musicisti sì ed ho conosciuto una ragazza, bassista, che suona davvero come un pro di quelli veri, ad alto livello.
A lei non interessa divenire una bassista famosa, ha un altro lavoro che l'appaga, una famiglia ecc, è felice così, continua a suonare ed a spettinare tutti ma senza inutili pressioni che, se fosse una pro, avrebbe di certo.
A questo, purtroppo, aggiungiamo che, ultimamente, molti professionisti, bravissimi per carità, fanno le puttane, vendendosi per sponsorizzare qualche strumento del quale sono endorser in maniera anche ridicola, oppure sponsorizzano la propria scuola di musica. È evidente, quindi, che di pura musica non campano più.
Io stesso, che non so suonare :D , anni ed anni fa, avevo 18 anni, fui contattato da un famoso cantante degli anni '60 per fare da secondo al suo batterista.
Mia madre, dico saggiamente, a questo punto, non mi fece partire e ne sono contento, la batteria per me è pura libertà, se studio è perché voglio migliorare per me e per nessun altro, suono quel che voglio con chi voglio e solo se mi diverto davvero, senza nessun compromesso, ho un lavoro e sono soddisfatto.
Concludo dicendo che, per alcuni versi, essere della terra di mezzo ha i suoi vantaggi.
Continua a goderti le tue serate e le tue suonate, a goderti questi momenti, queste soddisfazioni e rendici partecipi.
A volte, come succede a me, anche il solo essere considerato bravo da chi appartiene alla terra di mezzo come noi altri, può appagare il nostro ego batteristico.
io suono in ciabatte
Avatar utente
nikman
guru delle pelli
guru delle pelli
 
Messaggi: 2340
Iscritto il: lun mag 05, 2014 10:17 am
Località: Rocca San Giovanni, Chieti

Messaggioda Lisander il mar mar 19, 2019 1:50 am

eziopelizzi ha scritto:.....bello, bello, però farei .....tun pa..tun tun pa...e allora basta, ho smesso.

Anche io ai primi "fai qui, fai la... stacco! Cresh, raid e tun pa..." di norma ho detto "Vi serve un altro batterista, con capacità differenti dalle mie..." <--- in realtà più pazienza e con un carattere migliore del mio.
Il tutto fa il paio con "fai silenzio che devo accordare" e il cantante che continua "Sa, Sa... Prova microfono..". :lol:

Alla fine fare il musicista non è niente di diverso rispetto a qualsiasi altra attività; ai più affidabile e malleabile (tradotto, che non rompe le balle) è meglio che estremamente competente, ma con maggiore carisma e personalità. Se non si è scelti per fare i leader, meglio fare il compitino in puro stile turnista. E normalmente i leader o sono i cantanti o i chitarristi, autoelettisi alfieri delle sette note contrapposti ai cavernicoli con le clave.

Forse è meglio fare come i bassisti, che se non cantano, se ne stanno in disparte nel loro mondo.
Odio i consigli non richiesti: so sbagliare da solo...

"...Drago Dragoone, con lo spadoone, io ti uccideròoo... io ti kill you!
"PERCHE' LA MUSICA SI ASCOLTA, NON CAMBIA GUARDANDOLA" (cit.)
"Lisander ha ragione" (cit.)
"Oooh... Oooh... Oooh... Foppapedretti... https://www.youtube.com/watch?v=gqTtz5zk2dE "

[i]Yamaha RGX 421pro (1992)/Ibanez ART120 (2009)/Storm LF1250 (2004)/Goya Rangemaster 105 w/tremolo (1967?)/ SX Classic Guitar (?)/ Eko Navajo 12 (1985)/ Storm PGB700 (2001)... e la batteria? Eh...
Avatar utente
Lisander
figlio di Buddy Rich
figlio di Buddy Rich
 
Messaggi: 3555
Iscritto il: gio apr 12, 2012 8:22 pm

Messaggioda vit vit il mar mar 19, 2019 7:34 pm

Mi riferisco al concetto"non rompere i coglioni" che denota la solita concezione utilitaristica e di contorno data alla p :suk :suk roduzione musicale di certo tipo.

Certo è condivisibile nell'ottica di musica che ha la sola funzione di un divertimento estemporaneo e di intrattenimento insipido.(accompagnamento dritto,groove rassicurante senza arte né picchi di creatività men che mai di personalità)

L'affermazione tipica del cantante pop rock che ha tutta la scena focalizzata su di lui e che senza di lui sarebbe di una banalità imbarazzante(cioè ,insomma buona parte della musica di massa prodotta negli ultimi decenni)che relega al ruolo del musicista a mero accompagnamento meccanico e con pochissima libertà d'azione.

In altri ambiti l'essere rompicoglioni vorrebbe dire creare ed interagire con gli altri musicisti....insomma essere musicista a mio avviso.

To' un bel l'esempio di rompere i coglioni ad una cantante
https://youtu.be/pNXJ306Rf68 :suk :suk
Suono come sono
Ma....
Vorrei essere
John Coltrane
Avatar utente
vit vit
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5209
Iscritto il: mar apr 10, 2012 7:06 am
Località: Milano city

Messaggioda eziopelizzi il mar mar 19, 2019 11:21 pm

Grandissimo pezzo Vit e bel progetto. Uso bellissimo delle dinamiche e della tecnica al servizio della musica. La musica popolare si presta più di ogni altra alle contaminazioni di questo tipo.
Avatar utente
eziopelizzi
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mar nov 22, 2005 9:58 pm
Località: Torino

Messaggioda Lisander il mer mar 20, 2019 12:11 am

Non è assolutamente il mio genere (specialmente suonare così), ma sti cazzi: riuscitissimo esempio vit :wink: :wink:

Per me fa molto anche una visione storpiata di ciò che è un musicista.
Con che criterio si sceglie (o si viene scelti) per ricoprire un dato ruolo? E' come a giocare a 11 e l'ultimo pirla va' in porta? Vale ancora come quando avevi 14 anni e volevi suonare? Il segno zodiacale è più importante dell'avere una buona impostazione, accuratezza e precisione?

Scusate lo sfogo da bar, ma a volte serve, anche se sinceramente non mi interessa più un... bel nulla :D

Esempio semiserio, ma plausibile.
8) "Ho una bella voce: in amplificato esco uguale al cantante dei Timoria (capitato: poi era un misto fra un clarinetto rotto e laurenti quando parla)... ok, io faccio il cantante" (così spendo relativamente poco e sono sempre pronto con il mio microfono... non devo avere la sala prove, posso evitare di prendere la macchina quando si esce a suonare e le tipe guardano me)
:) "Io so suonare" --- 8) "Mi ricordo di te in spiaggia davanti al falò. Ok, tu la chitarra. Ma la tipa mora della prima fila è mia."
:a: "Anche io so suonare" --- 8) "Ok... un'altra chitarra..." :) "...e se provassi il pianoforte? (così stai dietro e non guardi da vicino la tipa bionda vicino alla mora della prima fila...)"
:o "Ehm.. io saprei..." --- 8) :) "No! Sei un chitarrista mancato e poco fantasioso. Ti va di suonare il basso? Fai dudu du a tempo... e poi ti metti lì fermo di lato che io devo fare il passo come Ciak Berri e Angus Iang"
:o :) 8) "E la batteria?"
8) "Ah... vero... Sì, quella cosa che fa tun pa sdeng crash ping... Ehi! Tu lì in fondo!"
:oops: -"Chi? Io?"
8) :) "Sì, tu... qui c'è una batteria... è facile... ti siedi e poi fai tun pa tun pa... e quando ti diciamo di stare fermo e zitto stai fermo e zitto che dobbiamo accordare e finire di imparare la tablatura dell'assolo di Smells like teen spirit" :a: "Ah... e dopo preparati che ti mando in cuffia una base con 33 tracce midi orchestrate per November Rain, solo che ci sono 1568 msec di riverbero e tuo compito sarà fare da riferimento per tutti... Occhio a non sbagliare, se no sbagliamo tutti."
:oops: "E mandarmi solo il click in cuffia no?"
:a: "No... si fa così..." <--- capitato.
:|

Quante band pseudo scolastiche e non sono nate ( e morte) così? E magari poi ciliegina sulla torta ti arriva uno con un cajon o una darbuka o lo djembé ---"Cavolo... nel tuo pim pam pum (cit. Elio) si sente l'essenza delle tribù ancestrali aborigene dell'africa equatoriale durante la stagione dei monsoni, quando il lupo artico si sveglia dal letargo (???)..." (e le dieci tipe della prima fila annuiscono..) :suk :suk :suk :suk :suk

:lol: Andate tutti a fanculo. (cit. Richard Benson)
Odio i consigli non richiesti: so sbagliare da solo...

"...Drago Dragoone, con lo spadoone, io ti uccideròoo... io ti kill you!
"PERCHE' LA MUSICA SI ASCOLTA, NON CAMBIA GUARDANDOLA" (cit.)
"Lisander ha ragione" (cit.)
"Oooh... Oooh... Oooh... Foppapedretti... https://www.youtube.com/watch?v=gqTtz5zk2dE "

[i]Yamaha RGX 421pro (1992)/Ibanez ART120 (2009)/Storm LF1250 (2004)/Goya Rangemaster 105 w/tremolo (1967?)/ SX Classic Guitar (?)/ Eko Navajo 12 (1985)/ Storm PGB700 (2001)... e la batteria? Eh...
Avatar utente
Lisander
figlio di Buddy Rich
figlio di Buddy Rich
 
Messaggi: 3555
Iscritto il: gio apr 12, 2012 8:22 pm

Messaggioda vit vit il mer mar 20, 2019 12:16 am

eziopelizzi ha scritto:Grandissimo pezzo Vit e bel progetto. Uso bellissimo delle dinamiche e della tecnica al servizio della musica. La musica popolare si presta più di ogni altra alle contaminazioni di questo tipo.

eh beh l'amico Calcagnile più volte da me decantato ci sa fare con la materia. Mmusica popolare.?....si in quel pezzo si,ti invito ad ascoltare altri pezzi del duo......sempre sul solco dell'impro contemporanea.

Lisander che cazzo di gente frequenti?!?!
Ti devi spaventareeeee[ Richard Benson cit.]
Suono come sono
Ma....
Vorrei essere
John Coltrane
Avatar utente
vit vit
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5209
Iscritto il: mar apr 10, 2012 7:06 am
Località: Milano city

Messaggioda Lisander il mer mar 20, 2019 1:20 am

Frequentai :lol: :D
Cose in cui mi tiravano in mezzo... preistoria, per fortuna.

Diciamo che raramente ho sentito di essere nel posto giusto e non uso il verbo sentire a caso: era palese che l'amalgama non c'era... e non ci sarebbe mai stata. Ok, non sono facile, ma quando è capitato di percepire un sound compatto e omogeneo, due sguardi e tutti a fare una variazione a tempo... come mai è capitato, indipendentemente dal livello tecnico e dal fatto di fare parte o no del gruppo in questione? Misteri della Fede? Saturno in trigono con Urano e un satellite spia cinese?
Di certo non perché i musicisti con cui ho suonato si limitavano al compitino e quanto a me, quello che facevo veniva spontaneo come al solito a casa da solo.
Eventi comunque meno ordinari dei numerosi tentativi andati male, ma si sa che da giovani si è più ingenui e portati a tentare che non a quaranta. Fa il paio con il bilancio consuntivo delle uscite nei weekend anni fa in cui, tirate le somme ora, tante volte sarebbe stato più salutare e sensato starsene sotto le coperte. All'epoca si faceva di tutto pur di non stare in casa, anche accettare l'ennesimo tentativo di mettere in piedi un progetto impossibile.
Ma si cresce e si screma. :a:
Odio i consigli non richiesti: so sbagliare da solo...

"...Drago Dragoone, con lo spadoone, io ti uccideròoo... io ti kill you!
"PERCHE' LA MUSICA SI ASCOLTA, NON CAMBIA GUARDANDOLA" (cit.)
"Lisander ha ragione" (cit.)
"Oooh... Oooh... Oooh... Foppapedretti... https://www.youtube.com/watch?v=gqTtz5zk2dE "

[i]Yamaha RGX 421pro (1992)/Ibanez ART120 (2009)/Storm LF1250 (2004)/Goya Rangemaster 105 w/tremolo (1967?)/ SX Classic Guitar (?)/ Eko Navajo 12 (1985)/ Storm PGB700 (2001)... e la batteria? Eh...
Avatar utente
Lisander
figlio di Buddy Rich
figlio di Buddy Rich
 
Messaggi: 3555
Iscritto il: gio apr 12, 2012 8:22 pm

Messaggioda eziopelizzi il mer mar 20, 2019 2:08 pm

Se Lisander si presenta alle prossime elezioni come presidente de consiglio....lo voto !!
Avatar utente
eziopelizzi
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mar nov 22, 2005 9:58 pm
Località: Torino

Messaggioda edmondo il mer mar 20, 2019 2:32 pm

MI UNISCO AL VOTO !!
1) YAMAHA PHX Phoenix (Black) 4pz. - 2) TAMBURO Formula Custom (Red Sparkle) 6pz. - 3) SONOR Ascent (Creme White) 5pz. - 4) Ibrido: DS cassa in EVOSuperbass Custom 22x17,5" (2011, pre 2.0 - ora Satin Black), con sopra tom/timpani DrumCraft Maple 10"/12"/14"ft/16"ft Series 8 (El.Black). - 5) Ibrido: Tamburo Studio cassa 22x16"+ tom/timpani Yamaha Live Custom tom 10"x7" e Floor 14x13" e 18x16":... "Provare per credere" !!
Avatar utente
edmondo
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 14159
Iscritto il: mar gen 18, 2011 8:40 pm

Messaggioda raffaele il mer mar 20, 2019 2:37 pm

Interessante argomento.Ho letto adesso e sono sicuro che sei un bravo batterista da quello che hai scritto.
Anche io ho 50 anni (un pò di più ma fa niente, 50 li ho di sicuro il resto mancia :D ) e non sono un professionista della musica pur avendo fatto un pò di conservatorio, seguito seminari, sbattimenti, rudimenti, ritmi latini, afro ecc Sappiamo tutti cos'è la gavetta...almeno dopo i 50 o la si è fatta o si è fuori dal giro.Il giro sarebbero quelli che ti chiamano ancora per far concerti.
Detto quanto sopra ho maturato questa idea.Senti se ti piace.
Occorre ovviamente suonare a tempo seguendo il flusso del brano, la struttura, ogni stacco deve essere indispensabile e soprattutto quando non conosci il brano e devi improvvisarlo sul momento.Segui normalmente il bassista che se sa il pezzo ti da indicazioni estemporanee altrimenti vai di inventiva tenendo il tempo in modo metronometrico(si dice così ? Boh). Queste sono le cose essenziali. Se non le conosci vai di cameretta prove e da li non ti sposti.
Poi c'è il secondo stadio.Quello che da anni sto cercando di perfezionare e che nell'ultimo mio cd, lontano da interferenze di rompimaroni che mi dicono quello che devo e non devo suonare, ho cercato di realizzare e credo di esserci riuscito lasciandone una piccola testimonianza.Il secondo stadio che ovviamente non puoi fare se devi tenere un tempo fisso, costante ma che puoi fare se accanto a questo ti metti alle percussioni e vai di creatività.Il secondo stadio è quello di viaggiare all'interno della struttura , tenendo presente il Bit (click, metronomo...uguale) ma nel contempo lasciandosi andare dal proprio ritmo interiore che non può essere matematico.Devi però rendere piacevole all'ascolto la cosa e questo è difficilissimo perchè ogni tanto, necessariamente, devi cadere dentro nel Bit.Esci, fai un giro dentro di te, nella tua creatività, all'interno della struttura del brano senza snaturare l'andamento del brano.Per fare questo ovviamente occorre un punto fermo che se suoni la batteria potrebbe essere il basso e se suoni le percussioni ovviamente sarà la batteria.
Dunque onore al merito di suonare precisi, fare gli stacchi giusti, ecc ecc, ma a mio avviso c'è un'ulteriore passo da fare ossia portare il nostro strumento(la batteria) o le percussioni, da strumento ritmico a strumento solista senza uscire però dagli schemi.Personalmente sto andando in questa direzione anche se difficilissimamente viene condivisa da altri musicisti che hanno sempre quella fissa che il batterista o il percussionista devono essere gli orologi della band.Si, vero, ma solo in parte.Poi c'è un mondo da esplorare per chi vuole addentrarsi...non conta essere o meno professionisti, basta avere questa esigenza musicale che ti prende per mano e ti guida.Appena fatta l'idea si comincia a lavorare su questa strada.
raffaele
maestro del groove
maestro del groove
 
Messaggi: 990
Iscritto il: lun ott 10, 2011 9:44 am

Messaggioda vit vit il mer mar 20, 2019 3:04 pm

Raffaele ottimo discorso,quello che cerco di dire anche io.
Anzi non concepisco la batteria come solista ma come co-compositore con altri strumenti e nella musica che piace a me la batteria insieme agli altri strumenti è allo stesso tempo ma alternando le sue parti, metronomo,armonia,composizione e solista.



Esempio musicale?
https://youtu.be/1tZ0as6qhKg




Raffaele...... The beat is not The bit :B
Suono come sono
Ma....
Vorrei essere
John Coltrane
Avatar utente
vit vit
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5209
Iscritto il: mar apr 10, 2012 7:06 am
Località: Milano city

Messaggioda Lisander il mer mar 20, 2019 10:26 pm

eziopelizzi ha scritto:Se Lisander si presenta alle prossime elezioni come presidente de consiglio....lo voto !!


Odio i consigli (vedasi firma)... e non auguratevi che vada io al posto di Conte, poichè sarei peggio di un dittatore. E di trappista lascerei solo la birra, mica quella musica di merda di adesso...

Tutti servono, nessuno è indispensabile. Quindi, giù tutti quelle ali e lasciate fare al batterista il suo lavoro.

E non fatevi ingannare dalle chitarre in firma: non sono un chitarrista. :mrgreen:
Odio i consigli non richiesti: so sbagliare da solo...

"...Drago Dragoone, con lo spadoone, io ti uccideròoo... io ti kill you!
"PERCHE' LA MUSICA SI ASCOLTA, NON CAMBIA GUARDANDOLA" (cit.)
"Lisander ha ragione" (cit.)
"Oooh... Oooh... Oooh... Foppapedretti... https://www.youtube.com/watch?v=gqTtz5zk2dE "

[i]Yamaha RGX 421pro (1992)/Ibanez ART120 (2009)/Storm LF1250 (2004)/Goya Rangemaster 105 w/tremolo (1967?)/ SX Classic Guitar (?)/ Eko Navajo 12 (1985)/ Storm PGB700 (2001)... e la batteria? Eh...
Avatar utente
Lisander
figlio di Buddy Rich
figlio di Buddy Rich
 
Messaggi: 3555
Iscritto il: gio apr 12, 2012 8:22 pm

Messaggioda nikman il gio mar 21, 2019 1:13 am

Però c'è anche chi, come me, la batteria la intende come accompagnamento ad un brano, come supporto e non orpello.
Il mio sogno, da sempre, è di suonare alla Lele Melotti, preciso, pulito, senza strafare, dando colpi quando serve, damdone meno, se possibile.
Io mi diverto da matti a suonare, chessò, i brani di Cocciante, Renato Zero, Patty Pravo ecc, il classico pop.
Capisco che voi vogliate vedere il nostro strumento protagonista, ma, passatemi il paragone, il numero 10 è sempre il cantante, noi siamo il famoso centrocampista centrale, quello che organizza il gioco, non chi fa gol o assist. :wink:
io suono in ciabatte
Avatar utente
nikman
guru delle pelli
guru delle pelli
 
Messaggi: 2340
Iscritto il: lun mag 05, 2014 10:17 am
Località: Rocca San Giovanni, Chieti

Messaggioda vit vit il gio mar 21, 2019 1:51 am

Ma,cantanti nella mia.musica ce.ne sono pochi.E quei pochi usano la voce come strumento.
https://youtu.be/31jAFxH2hzE
Qui in contesto di un trio a tre voci democraticamente suddivise.
https://youtu.be/lWfjPEob1Mo
IO non aspiro al ruolo di solista ma di creare senza vincoli e dare apporto attivo alla musica.


Tu hai una visione canzone centrica,Si il cantante è il nr 10 ma.gli altri si accontentano di essere l'Oriali di turno....contenti voi.

Per me cosi è un ruolo di secondo piano tipo famiglia patriarcale con la moglie(batteria)in casa con figli e faccende domestiche ed il Padre padrone a Lavorare.
Insomma cose da superare in fretta e vivere nel nuovo millennio
Suono come sono
Ma....
Vorrei essere
John Coltrane
Avatar utente
vit vit
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5209
Iscritto il: mar apr 10, 2012 7:06 am
Località: Milano city

Messaggioda renton il gio mar 21, 2019 8:49 am

Per me avete ragione tutti...mi spiego, in un particolare brano ci può stare qualche "colorazione" in più da parte nostra, in altri brani l'accompagnamento e più qualche particolare passaggio è ok, come in altri brani è perfetto solo l'accompagnamento.
La bravura dei batteristi si vede nell'arrangiare, non tanto nella tecnica ma quanto nel gusto, che per carità è sempre soggettivo ma fa la differenza.
è proprio per questo che non suono più :D perchè nelle band classiche esistono i chitarristi, che sono il male totale.
Quindi prossimo gruppo solo bassi e synth, al massimo :B
non siamo nessuno.
Avatar utente
renton
guru delle pelli
guru delle pelli
 
Messaggi: 1855
Iscritto il: ven ago 29, 2008 3:03 pm
Località: Frosinone

Messaggioda eziopelizzi il gio mar 21, 2019 2:21 pm

Sono d’accordo. Sono entrambi punti di vista che condivido. Direi che la musica di esplorazione, sperimentazione e di contemporaneità di Vit ha un approccio più complesso ed anche più colto. Gli ascoltatori devono essere educati. (Non puoi fare leggere James Joyce a chi legge solo Ken Follett). Di conseguenza lo sono anche gli altri musicisti. Il punto di vista di Nikman è quello pop, nel senso più nobile del termine, dove l’abilità sta nel dare tiro, gusto, pulizia, precisione e soprattutto....seguire il copione, tutto al servizio dell’artista di turno. Il post è nato per un commento che arriva proprio da quel mondo. Quindi probabilmente, essendo stato un poco impreparato ed avendo fatto il compito semplice semplice sono stato apprezzato di più che se avessi stravolto tutto facendo una cosa nuova, diversa e magari figa, ma per me. Ci sta alla fine. Fosse salito sul palco Bollani e avessi suonato in quel modo alla fine del pezzo è probabile che mi “avrebbe sputato”. È palese che è l’abilità e la sensibilità del musicista a dover percepire l’aria che tira. Personalmente io amo entrambe le situazioni e devo dire che mi danno entrambe grande piacere e soddisfazione.
PS Vit mi hai fatto commuovere citando Oriali...
Renton: I maestri di chitarra dovrebbero insegnare l’educazione musicale ai loro allievi....hai la mia solidarietà.
Avatar utente
eziopelizzi
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 141
Iscritto il: mar nov 22, 2005 9:58 pm
Località: Torino

Messaggioda vit vit il gio mar 21, 2019 4:12 pm

Oriali..... era una citazione da Ligabove (quel pezzo che fa.....lì in sempre liiiì fin che ne hai...... :D
Comunque pure io contemplo l'accompagnamento,però quanti dicono Less is more,"pochi tocchi ecc si rendano conto che non è proprio così,accompagnamento pieni di sequenze di ottavi,quarti,sedicesimi(tipico tum pa tumpa) è tutto tranne che scevro di note......tuttalpiù sono tutte uguali e poco espressive e qui ritorno ad una mia dedinizione:musica autistica(senza offesa per alcun soggetto) che fa da contraltare al linguaggio discorsivo di matrice jazz/contemporanea.
Suono come sono
Ma....
Vorrei essere
John Coltrane
Avatar utente
vit vit
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5209
Iscritto il: mar apr 10, 2012 7:06 am
Località: Milano city

Messaggioda Lisander il gio mar 21, 2019 8:58 pm

Se in tanti ci lamentiamo di questo, il male esiste.
Ma c'è rimedio. :D
Allegati
Lis.jpg
Lis.jpg (125.25 KiB) Osservato 1570 volte
Odio i consigli non richiesti: so sbagliare da solo...

"...Drago Dragoone, con lo spadoone, io ti uccideròoo... io ti kill you!
"PERCHE' LA MUSICA SI ASCOLTA, NON CAMBIA GUARDANDOLA" (cit.)
"Lisander ha ragione" (cit.)
"Oooh... Oooh... Oooh... Foppapedretti... https://www.youtube.com/watch?v=gqTtz5zk2dE "

[i]Yamaha RGX 421pro (1992)/Ibanez ART120 (2009)/Storm LF1250 (2004)/Goya Rangemaster 105 w/tremolo (1967?)/ SX Classic Guitar (?)/ Eko Navajo 12 (1985)/ Storm PGB700 (2001)... e la batteria? Eh...
Avatar utente
Lisander
figlio di Buddy Rich
figlio di Buddy Rich
 
Messaggi: 3555
Iscritto il: gio apr 12, 2012 8:22 pm


http://www.youtube.com/watch?v=NP5_CJg7oKQ

Torna a Tutto il resto

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti