labatteria.it • Leggi argomento - COME CAMBIA E CAMBIERÀ LA DIDATTICA DELLA BATTERIA ?


COME CAMBIA E CAMBIERÀ LA DIDATTICA DELLA BATTERIA ?

Una sezione per parlare di esercizi, lezioni, dubbi pratici, consigli di tecnica, insomma tutto cio' che possiamo imparare ed applicare sullo strumento.
Accordatura inclusa.

Messaggioda eziopelizzi il dom mar 17, 2019 12:33 pm

Nel 1981/82 avevo 16/17 anni quando comprai la prima batteria.
Con i miei amici da una vita avevamo deciso, essendo fanatici di musica, di mettere su un gruppo. Così a tavolino. Tu suoni questo, tu suoni quello ecc.
Alla fine io scelsi la batteria. Iniziai come autodidatta, scoprendo da solo come fare i primi tempi basici. 16 anni, abitando in Provincia, senza soldi, trovai un batterista del paese che tramite l’intercessioni delle madri si offrì di darmi delle lezioni. Concordammo con lui le lezioni alla domenica mattina. Mi fece comprare l’unico metodo stampato all’epoca, il Gene Krupa (che conservo ancora con affetto). Poi tutte le due o tre volte in cui io mi presentai puntualissimo all’appuntamento delle dieci della domenica mattina, la madre trovò delle scuse, influenza, arrivato tardi, ecc rimbalzandomi clamorosamente. Il tipo suonava tutti i sabati sera, arrivava tardi a mattina inoltrata e non aveva voglia di insegnare ad un pischello neofita.
Questa era la difficoltà di incontrare la didattica quando inizii. Così suonai per i successivi 15 anni da autodidatta. In gruppi in cui si provava anche tre volte a settimana, dalle 20 a mezzanotte. Dopodiché un lungo periodo di fermo, poi ripresi da grandino, con due soldi in tasca e la possibilità di fare quello che uno vuole, iniziai a studiare seriamente, vari maestri, scuole, ecc. sino ad oggi.
Con l’avvento di Internet è stata rivoluzione e sono migliaia oramai i video che spiegano tutto. Come sempre hanno iniziato gli americani.....Drumeo è tutto il mondo correlato.
Ultimamente però anche gli italiani si stanno allineando al modello americano.
Parlo di siti che seguo con piacere da qualche anno. Corrado Bertonazzi, Luca Michelotti, Bernardo Grillo. I loro video sono divertenti, brevi, con un linguaggio della rete oramai codificato, riescono a dare spunti interessanti. In uno di questi ho visto un’intervista con Franco Rossi, maestro totem della batteria italiana, che ho conosciuto avendo studiato qualche anno all’Accademia di Musica Moderna di Torino. (Lui è il fondatore della scuola con la sede di Milano). In quell’ intervista presentò la sua piattaforma, dicendosi ispirato dai giovani che ho citato prima.
Incuriosito sono andato a vedere i suoi video didattici. Ci ho trovato molto di quello che avevo studiato in passato. Ho scaricato anche il materiale allegato è seguito gli esercizi. Ma la differenza ragazzi è “epocale”. Nel senso che sono in antitesi la vecchia didattica tradizionale ed una didattica che rimane, si, ancorata ai testi fondamentali, ma spiegata è sviluppata in modo moderno, leggero, accattivante. Non metto in dubbio la bontà di tutto ed il mio rispetto verso i maestri tradizionali rimane immutata. Ma l’accelerazione che ha dato la rete sta rendendo sorpassato solo quello che anni fa era già visto come innovazione. Forse però l’approfondimento ne risente ? La didattica tradizionale è quella che dà risultati veri e l’altra superficiali ? È solo un discorso di linguaggio e rimane la stessa cosa ? Mi piacerebbe discuterne.
Avatar utente
eziopelizzi
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 139
Iscritto il: mar nov 22, 2005 9:58 pm
Località: Torino

Messaggioda HAPPYBEAR il mer mar 20, 2019 10:01 pm

Semplice, le scorciatoie non portano da nessuna parte, alias se vuoi imparare bene a suonare il metodo tradizionale penso sia ancora il migliore, il supporto internet puo' servire ad approfondire temi che stanno a cuore che non si son potuti fare seguendo il programma didattico, ma alla base per far questo devi gia' essere ad un buon livello dopo anni di studio imho.
Avatar utente
HAPPYBEAR
maestro del groove
maestro del groove
 
Messaggi: 1071
Iscritto il: dom apr 09, 2017 3:06 pm

Messaggioda eziopelizzi il mer mar 20, 2019 11:55 pm

Su questo anch’io sono d’accordo. Ma chi s’interfaccia con il suo canale innovativo , di quelli che ho citato, è anche un maestro ed ha i suoi allievi. Tutto è chiaramente fatto per avere visibilità e vendere lezioni, metodi, corsi online. Anche su questo nulla da dire. La pagnotta se la sudano. Sono bravi, lavorano molto ( non è facile ) e si vede che sono appassionati ed amanti dello strumento. All’ interno dei loro video poi sono sempre propensi a sostenere valore dei metodi tradizionali. Sono riusciti secondo me a portare uno step avanti l’approccio, meno duro. La maggior parte di chi inizia a studiare finisce lì, strimpelli fai due cose ti diverti ti scarichi e via (bacino d’utenza dell’90% ?)...per diventare musicisti poi è tutta un altra strada, lunga e faticosa.
Avatar utente
eziopelizzi
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 139
Iscritto il: mar nov 22, 2005 9:58 pm
Località: Torino


http://www.youtube.com/watch?v=NP5_CJg7oKQ

Torna a Didattica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite