labatteria.it • Leggi argomento - Studio endurance e groove [TIMING]


Studio endurance e groove [TIMING]

Una sezione per parlare di esercizi, lezioni, dubbi pratici, consigli di tecnica, insomma tutto cio' che possiamo imparare ed applicare sullo strumento.
Accordatura inclusa.

Messaggioda Bizio il gio nov 06, 2008 1:32 am

vorrei fare un appunto importante e consigliare un esercizio fondamentale per un batterista.
premetto che consiglio questo esercizio perchè sto vedendo e sentendo demo qui nel forum di troppi ragazzi che prediligono studiare ed esercitarsi su esercizi puramente tecnici su rudimenti , sui rulli , sulla doppia cassa e sulla velocità , cosa che è lecita e in linea con lo studio dello strumento , ma si sta tralasciando la pura essenza dello strumento , senza la quale la batteria non ha motivo di esistere.
cosa è ?? Il timing , lo studio del groove e del portamento.
la batteria è il motore di un gruppo , la precisione sul tempo è la prima cosa che vi viene richiesta come batterista , il batterista che non riesce a portare un tempo e tecnicamente fà cose impossibili , è la cosa più inutile che ci sia ..
vado al dunque
Dovete riuscire a farvi violenza ( per me è goduria :D ) almeno 3 ore la settimana , l'esercizio è semplicissimo e se potete registrarvi e risentirvi vi sarà di grande aiuto , per capire i vostri punti deboli , se suonate avanti o indietro o come tanti .. completamente fuori timing.

impostare gli esercizi in maniera progressiva e metodica avendo prima in mente le varie velocità e denominazioni delle stesse ... io in maniera semplicistica nel mio tabellino le considero così , in Bpm ( Battiti per minuto )

40 - 69 Ballad
70 - 99 Medium slow ( di solito i più rognosi )
100 - 129 Medium
130 - 159 Medium Fast
160 - 190 Fast fermiamoci qui .. molti si fermeranno a 150 , non è una sfida.. arrivate dove siete a vostro agio in pieno relax .. salirete per gradi.

Ora armiamoci di un bel metronomo settandolo in quarti ...
partiamo con la velocità a 50bpm , 15 minuti di esercizio
Pattern semplice di un tempo in 4/4 cassa 1-3 rullo 2-4 charleston ottavi
attenzione ... prima di partire è meglio fare partire il click ed è fondamentale pensare prima il tempo , mai partire a freddo insieme al click , prendetevi le vostre belle 8 misure , entrate bene nella pulsazione del tempo con la mente belli rilassati , nessuno vi corre dietro ... alla settima misura staccate i quattro e iniziate il vostro bel quattro , cercando di suonare dentro la pulsazione del click , nessun passaggio , nessuna variazione sui piatti o sedicesimo sul charleston , dovete restare concentrati sul groove ....sulla continuità dei colpi portati per ogni arto.. le uniche variazioni che devono essere fatte , sono sulle varie dinamiche da più che piano a più che forte che potete , sempre mantenendo la pulsazione ... attenzione le varie dinamiche devono essere portate almeno per 3/4 minuti .. es.
3 minuti in maniera standard
3 minuti medio basso
3 minuti molto basso
3 minuti medio forte
3 minuti più che forte
ricordando la regola ... nessuna variazione ... ascoltate il vostro groove concentrati , e se avete modo di registrarvi riascoltatevi , scoprirete i vostri punti deboli e le velocità che soffrite (di solito le lente) ... lavorare su di esse.
vi sembrerà un esercizio facile , ma vi assicuro che non lo è !!! :)
è difficile trovare un balance del groove continuo senza cali di tensione per 3 , 4 o 5 minuti..... mi raccomando lavorate molto sulle velocità che vi mettono in difficoltà ... di solito più lente sono e più difficili sono ..
nei fast ... mi raccomando di non abusare per non correre rischi di tendiniti o altro ... tutto deve essere sempre nel relax assoluto , mai stare in tensione ,e mai in apnea ... la respirazione è fondamentale.


ultime due dritte ...in merito .. solo per i batteristi un pò più avanzati ..
logicamente fate tutti gli esercizi con tutti i pattern possibili ed immaginabili , in shuffle, in terzinato, swing.. etc etc ..
e soprattutto se avete modo ... mettete il click a 20 bpm e pensatelo come vi pare , essendo sottomultiplo di 40-80-160 .. ripeto fate partire il click a 20 bpm .. pensatelo e non suonatelo .. pensatelo anche in sediciesimi (equivalente ai quarti a 80bpm) ...quando avete la pulsazione nella testa datevi lo start di 4 e suonate i pattern in quarti /ottavi/sedicesimi/trentaduesimi , è il modo migliore per acquisire padronanza sul click e groove...è una mia metodolologia di studio sulla mia persona di approccio al timing .. rognosa per molti ..ma efficace.

ho finito ..spero di essere di aiuto ai più giovani
cià e buono studio :wink: :mrgreen:
Ultima modifica di Bizio il dom mag 31, 2009 10:20 pm, modificato 3 volte in totale.
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Messaggioda lou il gio nov 06, 2008 4:28 am

mmm...sulla denominazione universale delle velocità non sono molto d'accordo, quantomeno distinguerei due blocchi, quello pop-rock-funky-blues (dove i raggruppamenti indicati hanno effettivamente un senso) e quello swing (dove per es.120 è medium slow,160 il medium classico ed il fast comincia dopo i 240)...
sul discorso del metronomo a 20 ultimamente ho adottato un tipo analogo di training,anzi parto da 10 bpm e aumento di 1 tacca, facendo entrare 2 battute di 4/4 tra un click e l'altro (cioè 8 beats), secondo il seguente schema:
10 bpm = 80 bpm
11 = 88
12 = 96
13 = 104
14 = 112
15 = 120
16 = 128
17 = 136
18 = 144
19 = 152
20 = 160

per rendere l'esercizio meno mostruoso, prima eseguo il pattern alla velocità reale mettendo il metronomo a 80, poi lo passo a 20 ed infine a 10, mantenendo la stessa velocità di esecuzione delle due ipotetiche battute in 4/4, e così per tutte le altre combinazioni,
88-22-11
96-24-12
104-26-13
ecc.
moderatore
fondatore dell' ALLEANZA ASCOLTATORI ECLETTICI, per il trasversalismo dei gusti musicali
http://www.facebook.com/luigi.perticone ... .perticone
www.myspace.com/luigiperticone
lou
guru delle pelli
guru delle pelli
 
Messaggi: 2238
Iscritto il: dom gen 29, 2006 12:44 am
Località: Catania

Messaggioda rastrello il gio nov 06, 2008 8:34 am

Ragazzi ma che cappero state scrivendo, torniamo subito ai cari thread sul rullo singolo a 210 e sui filmati di doppia cassa dei ragazzini amerregani coi calzini o a piedi nudi....

Detto questo, compliments Bizio! Quoto tutto aggiungendo che, specie in questi tipi di esercizi, dobbiamo esercitare, imho, una ENORME dose di AUTOCRITICA, perche' il rullo a 210 si capisce se esce o meno, ma capire, ammettere che un 4/4 a 54 non ci gira e' piu' difficile, e siamo tutti portati a dirci "ma si, dai che esce, prossimo pezzo".

"Purtroppo" l'autocritica, sempre imho, aumenta con l'esperienza.
E vabbe', c'e' tempo per tutto.
Ueh ueh...
Avatar utente
rastrello
ho il ritmo nel sangue
ho il ritmo nel sangue
 
Messaggi: 552
Iscritto il: mar mag 15, 2007 8:19 am
Località: Bergamo

Messaggioda marcods86 il gio nov 06, 2008 9:45 am

Bizio for president!
a bello ste cose le faccio parecchio!! sono tra le cose più utili che sto facendo, in realtà seriamente le ho iniziate a fare da poco, meno di un mese, ma le faccio spessissimo e vedo che si progredisce facilmente nel timing e anche nella tecnica, i problemi più grandi però non si incontrano ai 240 (per quanto sia puramente difficile tecnicamente) ma alle misure più basse, ad esempio20/25, li serve molta più testa, è molto più difficile andare piano che correre!!!
"scrivere citazioni di gente colta e famosa fa molto figo" - Marco Cioèio -
xtremeflier ha scritto:professionisti come bizio, marcods, marco aquila e pure di quell'antipatico psicolabile di dave grohl

Xanadu ha scritto:James è giusto.
Fidatevi di James.
Avatar utente
marcods86
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5470
Iscritto il: sab ago 09, 2008 11:57 pm
Località: "Cobus non te temo - youtube - 1 risultato."
facebook: https://www.facebook.com/InsaneFoolish

Messaggioda makeda_1 il gio nov 06, 2008 10:08 am

marcods86 ha scritto: i problemi più grandi però non si incontrano ai 240 (per quanto sia puramente difficile tecnicamente) ma alle misure più basse, ad esempio20/25, li serve molta più testa, è molto più difficile andare piano che correre!!!


Quoto alla grande, andare piano è più difficile!!
controlla la tua mente
makeda_1
rullatore da guerra
rullatore da guerra
 
Messaggi: 312
Iscritto il: mer ago 06, 2008 4:00 pm
Località: palermo

Messaggioda Bizio il gio nov 06, 2008 1:24 pm

Lou mi trovi d'accordo , e mi complimento per la tua metodologia , ma nel mio post ho specificato che lo schema che ho postato è semplicistico ,per fare una precisa classificazione dei tempi riguardante ogni singolo genere merita un capitolo a parte :) swing a parte ... io mi sono basato ,come hai specificato anche tu ..prettamente standardizzato su un concetto Pop,rock,funk, blues.
Riguardo il click a 20 bpm ( 1 ogni tre secondi ) personalmente lo reputo sufficentemente arduo e altrettabto efficace per avere una padronanza assoluta del timing ... certo a 10 ( 1bpm ogni sei secondi)sarebbe ancora meglio , come per il 5 bpm , ma qui vedo gente con problemi a 120 :) dove ha riferimenti di 2bpm al secondo.
altra ottima tecnica è impostare una traccia click a quarti con un qualsiasi sequencer ....programmare il mute ogni otto misure.. di otto in otto
e fare la stessa cosa con 16 e 32 misure , per affinare ancor di più la tecnica timing , ma siamo in uno stadio di tecnica timing avanzata. :)


marco in un 20 bpm .. come ho detto precedentemente , il trucco stà nel pensarlo ..prima lo ascolti un pò per entrare nel timing e poi stacchi il quattro e suoni.
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Messaggioda marcods86 il gio nov 06, 2008 2:30 pm

lo ben so, per questo è molto più complicato, il fatto che con un tempo più veloce hai una suddivisione già fatta del tempo è molto più facile, ci vuole molta più testa quando la suddivisione la devi fare tu, visto che c'è molto più spazio tra un click e l'altro!
quando i tempi sono lentissimi bisogna suddividerlo mentalmente per rendere un pò più facile le cose, certo che però poi ti rendi conto da solo di andare molto più a tempo!
anzi ti sembra quasi che gli altri vadano fuori quel nano secondo! eheh
ps: c'è un video di Derek Roddy in cui suona su un 25bpm, per me dimostra molta più bravura in quello che nel classico tempo death "fisico"!
"scrivere citazioni di gente colta e famosa fa molto figo" - Marco Cioèio -
xtremeflier ha scritto:professionisti come bizio, marcods, marco aquila e pure di quell'antipatico psicolabile di dave grohl

Xanadu ha scritto:James è giusto.
Fidatevi di James.
Avatar utente
marcods86
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5470
Iscritto il: sab ago 09, 2008 11:57 pm
Località: "Cobus non te temo - youtube - 1 risultato."
facebook: https://www.facebook.com/InsaneFoolish

Messaggioda Bizio il gio nov 06, 2008 2:55 pm

ascoltare un click ... specialmente lentissimo , è una sorta di studio all'orecchio assoluto , come c'è per l'armonia , c'è per la ritmica , e pensarlo tende a sviluppare la sensibilità al timing , in teoria lo abbiamo tutti ...ma è dono di quei pochi dotati di natura e per chi approfondisce lo studio .
io ho molta passione e accuratezza in questo e a furia di esercitarmi .. al minimo colpo (non voluto :D ) che sento fuori posto mi si contorce lo stomaco ...
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Messaggioda marcods86 il gio nov 06, 2008 3:04 pm

eheh... il fatto che ho avuto una sorella che mi ha ossessionato con il piano sin da quando sono nato e col fatto che suonavo chitarra mi succede anche quando scempi a livello melodico... eheh...
"scrivere citazioni di gente colta e famosa fa molto figo" - Marco Cioèio -
xtremeflier ha scritto:professionisti come bizio, marcods, marco aquila e pure di quell'antipatico psicolabile di dave grohl

Xanadu ha scritto:James è giusto.
Fidatevi di James.
Avatar utente
marcods86
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5470
Iscritto il: sab ago 09, 2008 11:57 pm
Località: "Cobus non te temo - youtube - 1 risultato."
facebook: https://www.facebook.com/InsaneFoolish

Messaggioda Bizio il gio nov 06, 2008 3:31 pm

http://www.youtube.com/watch?v=ENLDeERX1Ps

si è una cosa del genere che faccio come studio sul timing ...
in alcuni punti è piuttosto avanti con il timing l'amico fritz :D cmq bravissimo , non lo conoscevo.
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Messaggioda Nikraider il gio nov 06, 2008 3:36 pm

Più o meno è lo stesso concetto che mi è stato spiegato per incrementare il controllo con la doppia cassa.
Avatar utente
Nikraider
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 4132
Iscritto il: lun dic 17, 2007 12:22 pm
Località: In your nightmares

Messaggioda marcods86 il gio nov 06, 2008 3:37 pm

eh già, ma sempre di nano secondi, lui è un batterista death ma stranamente ha un groove da paura, nonostante anche lui fa il classico tempo del genere death, è andato a qualche drummer festival non ricordo, mi sembra il 2007... e ha fatto anche qualche latin eheh...
"scrivere citazioni di gente colta e famosa fa molto figo" - Marco Cioèio -
xtremeflier ha scritto:professionisti come bizio, marcods, marco aquila e pure di quell'antipatico psicolabile di dave grohl

Xanadu ha scritto:James è giusto.
Fidatevi di James.
Avatar utente
marcods86
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5470
Iscritto il: sab ago 09, 2008 11:57 pm
Località: "Cobus non te temo - youtube - 1 risultato."
facebook: https://www.facebook.com/InsaneFoolish

Messaggioda The Maus il gio nov 06, 2008 4:10 pm

difatti, da quando ho ripreso le lezioni sto soffrendo le pene dell'inferno col metronomo a 60 bpm (sono un disastro totale)

INFINATEMENTE più difficile suonare a velocità metronomiche MOLTO basse che non a 180...


:oops:
My Drum Kit! * Member of: Sacra Alleanza Batteristi Rolandiani * Alleanza dei batteristi pelatoni * alleanza dei videogiocatori * Dirty old drummers alliance * Yamaha Elegance Club * Santa Alleanza degli Allievi o Ex Allievi di G.Gandino * Associazione Batteristi Centauri
Avatar utente
The Maus
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 4186
Iscritto il: gio feb 15, 2007 11:28 am
Località: Torino

Messaggioda Nikraider il gio nov 06, 2008 11:37 pm

Avere una buona pulizia del suono a velocità basse indubbiamente giova poi a molte cose. Una fatica che però da i suoi frutti!
Avatar utente
Nikraider
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 4132
Iscritto il: lun dic 17, 2007 12:22 pm
Località: In your nightmares

Messaggioda leletto il ven nov 07, 2008 12:18 am

Grazie Bizio! Credo sia un esercizio utilissimo, anche se non ho ancora provato. 8)
Io sono un po' un disastro con il timing, ma non credo sia un problema di percezione mia...piuttosto credo derivi dalla mia scarsa coordinazione nei movimenti. Se infatti provo a tenere un tempo basso ( anche 20 bpm ) semplicemente battendo con un arto i quarti vado a tempo, ma se comincio a fare qualche tempo a 80bpm ( che è una velocità molto comoda ) spesso velocizzo troppo i fill. Allenarmi a velocita' standard mi è servito si e no, nel senso che son migliorato, ma ci son certe giornate che proprio non mi vien nulla...spero che questo esercizio mi aiuti a migliorare.

Edit: non so esattamente cosa volessi dire con questo post! Boh...il click mi sta svalvolando! :mrgreen:
Avatar utente
leletto
guru delle pelli
guru delle pelli
 
Messaggi: 2290
Iscritto il: lun mag 19, 2008 11:39 pm
Località: Pota Brèsa!

Messaggioda Grey Fox 92 il ven nov 07, 2008 1:08 am

Se devo dire la verità, pur essendo alle prime armi, non ho mai trovato problemi di timing suonando col gruppo. Ma credo che un esercizio del genere sia utilissimo, devo provarlo assolutamente. Grazie Bizio! :D
Immagine
Avatar utente
Grey Fox 92
rullatore da guerra
rullatore da guerra
 
Messaggi: 200
Iscritto il: dom mar 16, 2008 10:47 am
Località: Napoli

Messaggioda marcods86 il ven nov 07, 2008 1:23 am

leletto ha scritto:Grazie Bizio! Credo sia un esercizio utilissimo, anche se non ho ancora provato. 8)
Io sono un po' un disastro con il timing, ma non credo sia un problema di percezione mia...piuttosto credo derivi dalla mia scarsa coordinazione nei movimenti. Se infatti provo a tenere un tempo basso ( anche 20 bpm ) semplicemente battendo con un arto i quarti vado a tempo, ma se comincio a fare qualche tempo a 80bpm ( che è una velocità molto comoda ) spesso velocizzo troppo i fill. Allenarmi a velocita' standard mi è servito si e no, nel senso che son migliorato, ma ci son certe giornate che proprio non mi vien nulla...spero che questo esercizio mi aiuti a migliorare.

Edit: non so esattamente cosa volessi dire con questo post! Boh...il click mi sta svalvolando! :mrgreen:

andare a tempo è un pò come l'essere intonati, o come l'orecchio assoluto, è una specie di talento naturale, ma è comunque qualcosa che si può imparare, il problema è che magari per imparare bene una cosa invece di un giorno ce ne vogliono due, vai tranquillo facendo esercizi ad ogni velocità, magari non pensare al fill, inizia solo con l'andare a tempo, se devi mettere un fill qualcosa di semplice che ti viene naturale, all'inizio l'importante è andare a tempo, poi si studiano le varie composizioni, senza il tempo il batterista è morto!!!
"scrivere citazioni di gente colta e famosa fa molto figo" - Marco Cioèio -
xtremeflier ha scritto:professionisti come bizio, marcods, marco aquila e pure di quell'antipatico psicolabile di dave grohl

Xanadu ha scritto:James è giusto.
Fidatevi di James.
Avatar utente
marcods86
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5470
Iscritto il: sab ago 09, 2008 11:57 pm
Località: "Cobus non te temo - youtube - 1 risultato."
facebook: https://www.facebook.com/InsaneFoolish

Messaggioda Bizio il ven nov 07, 2008 1:55 am

Lele ..ho capito perfettamente ...cmq. 80bpm è un tempo ibrido per nulla facile ...uno di quei tempi intermedi e rognosi che sono difficilmente inquadrabili (Kashmere Led Zeppelin per capirci al volo) dove il grove ha un portamento molto presente e cadenzato , almeno io ho trovato sempre difficoltà registrando nei tempi intermedi .. a ottobre ho sudato non poco sia io che il resto della band a trovare il balance su un 78 bpm .. chi tirava avanti chi indietro....e 20 bpm è l'esatto derivato diviso 1:4
Cmq l'esercizio oltre che la padronanza del click deve servire fondamentalmente alla concentrazione nel portamento in un arco di tempo lungo ... almeno 4 minuti ... tante volte succede di avere cali di tensione durante il portamento , di solito con i miei allievi in registrazione dopo due minuti già sento di solito le avvisaglie e li frusto :D ..
percui lavora sui tempi dove senti che soffri .. e stacci sopra finche non lo assimili e lo fai tuo ... senza variazioni , senza nessun passaggio o piattata che sia , devi riuscire a godere solo con il portamento , in tutte le dinamiche possibili .

Grey col gruppo è un altra cosa... è molto meglio... il tutto è più elastico e il timing è in simbiosi.. le gatte da pelare vengono in registrazione , dove senti tutto :P la prima volta che entrai fiero di me stesso , usci , sentiì quello che avevo registrato , mi prese una depressione che quasi appendevo le bacchette al chiodo . :mrgreen:
cmq fallo te lo straconsiglio almeno 3 ore alla settimana ... endurance :tru

edit... Sante parole Marcolino :B
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Messaggioda Drumhammer il dom nov 09, 2008 10:20 pm

indubbiamente è un esercizio utilissimo ma so già che se mi metto a farlo dopo 2 minuti comincio a fare casino a caso,non ho la costanza di suonare sul metronomo per 4 minuti solo il groove,e purtroppo so che è una lacuna piuttosto grande
Avatar utente
Drumhammer
maestro del groove
maestro del groove
 
Messaggi: 1243
Iscritto il: mar feb 27, 2007 6:42 pm
Località: Sesto Calende (Va)

Messaggioda marcods86 il dom nov 09, 2008 10:47 pm

maledetta notte e maledetta mattina al lavoro.. stavo proprio pensando a questo!!! e me s'è pure rotto il mac con cui registravo e programmavo il metronomo.... :| :| :| :| :|
"scrivere citazioni di gente colta e famosa fa molto figo" - Marco Cioèio -
xtremeflier ha scritto:professionisti come bizio, marcods, marco aquila e pure di quell'antipatico psicolabile di dave grohl

Xanadu ha scritto:James è giusto.
Fidatevi di James.
Avatar utente
marcods86
Buddy Rich
Buddy Rich
 
Messaggi: 5470
Iscritto il: sab ago 09, 2008 11:57 pm
Località: "Cobus non te temo - youtube - 1 risultato."
facebook: https://www.facebook.com/InsaneFoolish

Messaggioda Alov il lun nov 10, 2008 3:19 am

Bizio ha scritto:cmq fallo te lo straconsiglio almeno 3 ore alla settimana ...


:o :o :o
Tre ore la settimana spesso è tutto quello che riesco a suonare!! :cry:
Vorrei fare di più, ma difficilmente riesco, e infatti progradisco moooolto lentamente!

Però Bizio, ti prometto che 10 minuti alla volta da ora in poi li faccio! :D :D :D
Avatar utente
Alov
maestro del groove
maestro del groove
 
Messaggi: 1426
Iscritto il: mer giu 27, 2007 1:32 am
Località: Garbagnate
facebook: https://www.facebook.com/niccolo.caricol

Messaggioda Gianni B. il lun nov 10, 2008 8:41 am

Grazie.
Avatar utente
Gianni B.
martellatore
martellatore
 
Messaggi: 171
Iscritto il: dom feb 03, 2008 10:22 am
Località: Provincia di Ancona

Messaggioda talismano il lun nov 10, 2008 9:55 am

Anche io mi aggiungo a questo esercizio oltre che utile anche di grande rilassamento!! :D
talismano
guru delle pelli
guru delle pelli
 
Messaggi: 2835
Iscritto il: lun ott 13, 2008 10:21 am

Messaggioda Dr. DARKSIDE il mar nov 11, 2008 6:41 pm

Se posso vorrei aggiungere qualche piccola idea per ampliare ancora di più l'utilità degli esercizi.

Spesso, nel rapporto col metronomo, ci troviamo in due principali scelte: usarlo o non usarlo.
Ed ecco che quando suoniamo sul click vogliamo essere straprecisi; ma quando suoniamo senza click vogliamo essere ugualmente precisi... Dunque non abbiamo mai la certezza che il nostro timing è preciso quando siamo senza click.

Ho così pensato una banale soluzione... Come sarebbe se potessimo svolgere gli esercizi proposti da Bizio, confrontandoci però con il metronomo che compare e scompare ?

Ora, è ovvio che mentre suoniamo è inutile fermarsi per spegnere il metronomo...
Il nostro obiettivo è capire se siamo in grado di continuare ad essere precisi anche se improvvisamente sparisce il click per un tempo di nostra preferenza.

La soluzione è facile.
Procuratevi un software-metronomo freeware per pc... Ce ne sono milioni.
Fatto questo procuratevi un software per poter registrare una traccia... Anche qui ce ne sono milioni freeware molto buoni.

Avviate il metronomo alla velocità con la quale vorrete eseguire l'esercizio, ed avviate la registrazione con il programma che avete scelto.
Ad esempio dopo un minuto di "click" interrompete il metronomo ma lasciate continuare la registrazione. E dopo un altro minuto di nuovo avviate il metronomo... E così via a vostra scelta.

Ne risulterà una traccia con il click più o meno intermittente a seconda delle vostre scelte.

A me questo esercizio rimane ultra-utile, dato che affina ancora di più la padronanza del timing.

Ah, oltre che col classico 4/4 tum-cia-tum-cia, provate questo esercizio con qualcosa di più sfizioso... Io con il Songo ho smoccolato un bel pò per esser preciso... :D :tru
http://www.myspace.com/seagullsandcigar Ezechiele 25.17: il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te...
Avatar utente
Dr. DARKSIDE
rullatore da guerra
rullatore da guerra
 
Messaggi: 246
Iscritto il: mer dic 26, 2007 12:17 am
Località: Neverland (FI)

Messaggioda Bizio il mar nov 11, 2008 6:45 pm

Bizio ha scritto:altra ottima tecnica è impostare una traccia click a quarti con un qualsiasi sequencer ....programmare il mute ogni otto misure.. di otto in otto
e fare la stessa cosa con 16 e 32 misure , per affinare ancor di più la tecnica timing , ma siamo in uno stadio di tecnica timing avanzata. :)

:mrgreen: ... ottimo esercizio , ma avanzato ... il 99% dei batteristi hanno problemi già con il supporto continuo del click a Ottavi.
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Messaggioda electroposh il mer nov 12, 2008 9:55 am

Bellissimo consiglio...proverò senz'altro.
In effetti, quando devo registrare mi faccio mettere in cuffia sempre un metronomo in ottavi con il quale mi sento a mio agio...viceversa col bit in quarti.
Proverò senz'altro, grande Bizio.

PS: on line ho trovato solo un metronomo abbastanza posticcio (funge solo 30 minuti nella versione gratuita).
qualcuno può linkare qualcosa di più serio, sempre gratuito?
e già che ci siamo anche per il registratore, così facciamo tutto... :mrgreen:
Avatar utente
electroposh
battipentole
 
Messaggi: 23
Iscritto il: dom ott 02, 2005 8:58 am
Località: Riva Ligure

Messaggioda Bizio il sab nov 22, 2008 2:07 am

Scarica questo , è gratutito completamente programmabile , parte da 7bpm,
hai tempi irregolari es 7=3+4 o 4+3 e così con tutte le combinazioni fino a 33 :P .. per trovare le funzioni premi in basso su PRO e su program per programmarti il click ... gran bel programmino.

http://www.brothersoft.com/d.php?soft_i ... tronom.exe
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Messaggioda electroposh il sab nov 22, 2008 9:00 am

Benissimo, proverò il softwarino...
(il mio metronomo meno do 40 bpm non fa, e comunque è già assai lento...)
Grazie Bizio!
"Technique without music, is just exercise..." - Jojo Mayer
Avatar utente
electroposh
battipentole
 
Messaggi: 23
Iscritto il: dom ott 02, 2005 8:58 am
Località: Riva Ligure

Messaggioda Van Loon il sab nov 22, 2008 10:26 am

L' altra sera ho provato 15 minuti di 70 bpm, è vero, dopo un paio di minuti si inizia a sbarellare, nel senso che magari o sei appena avanti su qualche colpo, o appena indietro, o magari poggi male il piede, oppure ti esce il classico "clop" sul rullante (quando becchi il bordo ma non la pelle). Però mi rendo conto che più che lavorare sul timing lento, che cmq sento abbastanza scorrevole, ho necessita di lavorare sui lanci a quelle velocità, perchè tendo ad accellerare, soprattutto quando faccio figurazioni con i multipli, che mi fanno andare avanti. Ci lavorerò.
"Si diventa batteristi per amore di uno strumento che si può accarezzare con dolcezza o percuotere con rabbia. E' una risposta istintiva alla natura "musicale" della persona perché lo strumento accontenta gli occhi per la sua estetica e appaga l'istinto" Ellade Bandini
"Bisogna suonare tanto, per capire che bisogna suonare poco" MP
www.myspace.com/matteopipia
Avatar utente
Van Loon
ho il ritmo nel sangue
ho il ritmo nel sangue
 
Messaggi: 551
Iscritto il: gio mag 18, 2006 10:43 am
Località: Sassari, Sardegna

Messaggioda Bizio il sab nov 22, 2008 10:44 am

ottimo ... prova pure a registrare l'esercizio, anche con un radione a cassette ... prova dal 65 al 70 ...
:lol: il clop è bellissimo ..rende l'idea!!... quello dei level dinamici costanti è un altro esercizio ........non da poco.
Avatar utente
Bizio
nonno di Buddy Rich
nonno di Buddy Rich
 
Messaggi: 20124
Iscritto il: gio ott 09, 2008 1:59 am

Prossimo

http://www.youtube.com/watch?v=NP5_CJg7oKQ

Torna a Didattica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti